Anders Petersen: Rome

About This Project

 

Nella storia della “Commissione Roma” Anders Petersen nel 2005 tracciò un importante punto di rottura con le precedenti due di Josef Koudelka e Olivo Barbieri: non sì inserì nel filone della bellezza monumentale di Roma, ma anzi la trasfigurò molto e per la prima volta furono i ritratti delle persone ad essere protagoniste della commissione. Anders Petersen lavora infatti su un concetto primitivo di città, quello per cui una comunità si forma attorno ad un luogo, se ne appropria e attorno ad esso e attraverso i rapporti tra le persone, sia fisici che emozionali, matura un’identità. (…) È questa fisicità, organica poiché formata dai suoi abitanti, che guida Petersen all’interno di una città come Roma alla ricerca di luoghi dove possa accendersi la febbre, ovvero la collisione tra lo stesso Petersen ed il soggetto delle sue fotografie coinvolti all’interno di una strana e frenetica performance che in un interessante processo con velocità diverse realizza la necessità delle fotografia. È questo il vedere di Petersen ed è questa la febbre.

Testo di

Marco Delogu

Category
MACRO, XV edizione