Hans-Christian Schink: Eur – Aqua Claudia

About This Project

 

Questi fantasmi. Dagli anni ’30 del secolo scorso a Roma si confrontano due archeologie. La prima è quella canonica delle rovine di epoca romana, che dall’agro e dalla periferia si insinuano verso il centro monumentale della città – non a caso un vuoto, il foro. La seconda, quella metaforica della fase “imperiale” del fascismo, si distribuisce intorno alla città centrale per grandi nuclei: la città universitaria, il Foro Italico, l’EUR. I due fantasmi che si aggirano per Roma si inseguono e si sfiorano, ma in pratica non si toccano quasi mai, se non nell’epicentro di via dei Fori Imperiali. Schink ha colto questo strano dialogo e lo ha declinato magistralmente in un progetto fatto di due serie distinte e intimamente connesse. La prima segue l’acquedotto romano Claudio, dall’agro fino al centro della città. La seconda indaga i paesaggi metafisici del quartiere EUR, realizzati per un Expo (1942) che ovviamente non si tenne mai.

Text by

Pippo Ciorra

Category
MACRO, XV edizione