Stefano Graziani: Salto Grande Estasi

About This Project

 

Uno sciatore spicca il volo da un trampolino e Stefano Graziani ferma il tempo, e poi ancora e ancora, fino all’atterraggio morbido in fondo alla discesa. L’estasi del salto si traduce in sequenza di istanti, in frazioni di un gesto. Vediamo lo sciatore in aria e seguiamo la sua planata senza movimento, ogni volta immobile e lontano dalla sua ombra. La solitudine del volo ci riporta alle parole dell’ultima sequenza de La grande estasi dell’intagliatore Steiner, il documentario del 1974 diretto da Werner Herzog e ispirato alla vicenda umana e sportiva dello svizzero Walter Steiner: “Niente sole, niente cultura, io nudo sopra un’alta roccia, senza tempeste, senza neve, senza banche, senza soldi, senza tempo e senza respiro. Allora di sicuro non avrei più̀ paura”. Insistendo sul volo con gli sci nel suo momento più̀ magico, Stefano Graziani ritorna a parlare di fotografia e del presente isolato da tutto il resto. Un tempo infinito che esiste solo nella “secchezza” del linguaggio fotografico, capace di spezzare qualsiasi traiettoria e trasformare ogni gesto in segno.

Text by

Alessandro Dandini de Sylva

Category
MACRO, XIV edizione